Benvenuti sul nostro sito:
  • Sito dell'Ordine dei Farmacisti di Catania . Notizie, Modulistica ed altro ancora
  • Provider Regionale ECM N.391
  • Conforme UNI EN ISO 9001:2008

Convocazione assemblea elettorale per il rinnovo del consiglio direttivo e del collegio dei revisori dei conti per il quadriennio 2021-2024

COMUNICAZIONI relativa all'ASSEMBLEA ELETTORALE

Risultati Elezione: Lista eletti (clicca per leggere)


Verbale prima convocazione (clicca per leggere)

(contiene tutte le informazioni relative alla prima convocazione dell'assemblea elettorale)

Convocazione (clicca per leggere)

(contiene tutte le informazioni utili allo svolgimento dell'assemblea elettorale)


CANDIDATURE (clicca per leggere)

LISTE ELETTORALI (clicca su ognuna per visionarla)

Consiglio       Collegio      Revisore    Consigliere

 

Comunicazione orari apertura ordine

Si comunica che gli uffici dell'Ordine dei farmacisti di Catania dal 16 marzo fino a nuova disposizione osserveranno il seguente orario di lavoro dal lunedì al sabato dalle 8,00 alle ore 14,00 pertanto verrà sospeso il periodo pomeridiano del martedì e del giovedì che riprenderà a data da destinarsi 

Leggi tutto: Comunicazione orari apertura ordine

Farmacia dei servizi, una scelta, tante opportunità: servizio sanitario, professionisti, cittadini

 

Farmacia dei servizi, un convegno ad Agrigento fa il punto sulle nuove opportunità, il nuovo ruolo delle farmacie e su come cambia il rapporto tra farmacisti e assistiti

 

La farmacia cambia pelle, entra sempre di più nella quotidianità dei pazienti e cambia il ruolo tra farmacisti e assistiti, che si rivolgono ai primi non solo per acquistare medicine ma anche per una serie di indagini diagnostiche. Questo quanto emerso nel corso del convegno "Farmacia dei servizi. Una scelta, tante opportunità: servizio sanitario, professionisti, cittadini", svoltosi ad Agrigento nei giorni scorsi e organizzato dall'Ordine dei farmacisti e da Atifar Federfarma.

«La farmacia dei servizi diventa il front office dell'assistito - spiega
Claudio Miceli, presidente di Atifar Federfarma -, con le analisi di prima istanza: screening del colon retto, analisi per la Bpco, e relativa spirometria, elettrocardiografia, usati con un sistema di connessione nazionale e capaci di dare una diagnosi di prima istanza. Fermo restando che la diagnosi deve, comunque, essere fatta dal medico curante che prescriverà i necessari accertamenti e terapie. Si apre un ventaglio di servizi affidati alla farmacia, in collaborazione con i medici di medicina generale, che da un sistema di prevenzione, controllo e diagnosi di prima istanza offre la possibilità al medico di curare l'assistito».
Il presidente ricorda che «si tratta di un progetto pilota, in sperimentazione e finanziato dal Ministero che porterà alla possibilità di inserire i servizi in convenzione che, allo stato attuale, in riferimento alla legge 69 del 2009, alcune farmacie in parte erogano ma a spese dell'assistito. In questo caso, in regime di convenzione, saranno pagate dal Sistema sanitario nazionale. In questa fase è necessario pensare alla formazione dei farmacisti, a cura di Fofi, assessorato della Salute, Cefpas e, successivamente, inizieranno gli altri step fino ad arrivare alla Bpco e all'elettrocardiografia. In prima istanza ci limitiamo allo screening del colon retto».

Tra i punti affrontati durante il convegno, il nuovo ruolo che acquisisce il paziente e come cambia il rapporto tra assistiti e farmacisti dentro la Farmacia dei servizi: «Il paziente è sempre più al centro mentre la farmacia diventa un centro polifunzionale e di risparmio, non più centro di spesa - afferma
Maurizio Pace, presidente dell'Ordine dei farmacisti di Agrigento -. Sarà attivato il fascicolo sanitario elettronico sul quale il farmacista riporterà i vari episodi che il medico legge in tempo reale, così il farmacista potrà costruire la terapia farmacologia e il medico comporre la riconciliazione. Un lavoro integrato che tramuta in Sistema il servizio sanitario attorno cui ruotano medici, farmacisti, infermieri, assistenti, che svolgono il proprio ruolo in una logica di rispetto e risparmio. La farmacia, dunque, cambia totalmente pelle».

 

 

 

Fonte: Farmacista 33 n.31 del 11 febbraio 2020

 

 

 

Caduceo d’oro, premiato anche Giovanni Puglisi nella cerimonia di Catanzaro

 


 

 

Tra i premiati alla cerimonia del Caduceo d'oro, tenutasi sabato 9 febbraio 2020 al teatro Politeama di Catanzaro, anche il presidente dell'Ordine dei Farmacisti di Catania con la seguente motivazione: "Il Prof. Giovanni Puglisi è stato, con sagacia ed intuito, uno dei principali attori scientifici, antesignano e fondatore della ricerca scientifica nell’ambito delle Nanotecnologie Farmaceutiche in Italia. La sua perseveranza e l’infaticabile dedizione verso i suoi discenti ha dato vita ad un gruppo di ricerca che ha generato degli allievi, i quali, ad oggi, occupano posizioni di prestigio in vari atenei Italiani. Il Prof. Giovanni Puglisi rappresenta uno dei rari casi in cui l’eccellenza del profilo scientifico si coniuga con l’ampia competenza ed il concreto impegno professionale in ambito farmaceutico ed ordinistico.”

 

 

 

Premiato anche Luigi Sauro, Presidente Federfarma Regionale Molise e Componente Consiglio Delle Regioni Sunifar, “per il suo impegno costante e continuativo nel portare avanti, con caparbietà e dedizione, le problematiche in favore delle piccole farmacie, caposaldo della sanità in Italia e unico punto di riferimento nei piccoli centri come servizio farmaceutico permanente”. E’ proprio questa la motivazione a corredo della consegna del caduceo nella cerimonia che ha previsto una fase di premiazione, con i riconoscimenti di benvenuto ai farmacisti e veterinari neo-laureati nonché ai professionisti con 40 anni di iscrizione.

 

 

 

Al centro della giornata di sabato, il ruolo del farmacista non solo come esperto del farmaco, ma come professionista al servizio del paziente cui deve garantire non soltanto cura nella gestione (dall’aderenza alle terapie, alla farmacovigilanza) e anche figura di educatore se non addirittura di mentore.

 

 

 

Fonte: Filodiretto edizione del 12 febbraio 2020

 

Ue, bugiardino elettronico ai nastri di partenza. Tutte le implicazioni per le farmacie

 

 


 

Approvazione delle prime indicazioni ufficiali fornite dalle Istituzioni europee in previsione dell’introduzione di un foglietto illustrativo elettronico. E’ stato questo, un argomento di grande interesse della consueta riunione di febbraio del PGEU, a Bruxelles, dedicata alle tematiche professionali.

 


Tali indicazioni sono state espresse nel documento congiunto – approvato in gennaio tra EMA, Commissione UE e Direttori delle Agenzie nazionali del farmaco – sui principi fondamentali che dovranno ispirare i futuri bugiardini elettronici.

 


In primo luogo, occorre precisare che la nuova modalità di fruizione avverrà in costanza di legislazione che, ad oggi, prevede l’obbligo di foglietto illustrativo cartaceo in ogni confezione. Alle Istituzioni europee sembra però ormai maturo che i pazienti possano fruire delle medesime informazioni regolatorie anche in modalità elettronica (il c.d. EPI).

 

 

 

Necessario, tuttavia, sarà trovare uno standard comune per veicolare in modo comprensibile e uniforme tali informazioni che non potranno, evidentemente, essere un mero copia e incolla di quanto scritto sui bugiardini.  E sarà questo, molto probabilmente, il lavoro più impegnativo che dovranno compiere le Autorità regolatorie nazionali ed europee prima di poter introdurre tale nuova modalità.
Una volta trovato lo standard comune ogni ePI dovrà essere verosimilmente sottoposto ad approvazione da parte dell’Autorità regolatoria competente, ovvero europea o nazionale.

 

Interessanti, le implicazioni di questa nuova modalità informativa per i futuri progetti delle farmacie. In primo luogo, viene a mente il fatto di avere a disposizione online, e di poterle prontamente condividere con i propri pazienti, tutte le informazioni più recenti relative alla sicurezza del paziente, ai benefici e alle condizioni di utilizzo del farmaco.
In secondo luogo, l’interesse per la farmacia è anche dato dalle implicazioni che si potranno sviluppare in ambito di aderenza alla terapia.

 

Infatti, la possibilità di utilizzare tali informazioni su una molteplicità di piattaforme digitali potrà essere di grande aiuto al fine di veicolare al paziente quelle informazioni necessarie ad aderire al meglio al trattamento terapeutico prescritto. Non solo le piattaforme, ma anche i media attraverso i quali veicolare l’ePI potranno essere molteplici: contenuti audio, video o altro materiale interattivo saranno in grado di fornire un ausilio per i programmi di compliance che la farmacia potrà sviluppare a beneficio dei propri pazienti, ad esempio anche per coloro aventi disabilità sensoriali.
La possibilità, infine, di poter utilizzare il foglietto illustrativo elettronico anche all’interno di progetti esistenti, in via di consolidamento o futuri - quali il fascicolo sanitario elettronico, il dossier farmaceutico e il codice a barre bidimensionale ai fini del futuro sistema di anticontraffazione europea - fa ben capire quali possano essere le potenzialità di tale nuovo strumento.
In sintesi, uno strumento che, nel medio periodo, sarà a disposizione delle aziende che lo vorranno utilizzare, in quanto l’ePI sarà un’opzione e non un obbligo, e che potrà diventare un importante argomento di dialogo tra noi e le industrie, al fine di sviluppare fruttifere collaborazioni su futuri progetti relativi alla compliance e all’aderenza alla terapia.  (ML)

 

 

 

Fonte: Filodiretto, edizione del 18 febbraio 2020

bbraio 2020

 

2013 Ordine Dei Farmacisti Catania - C.FIS.80010440875
E' vietata la riproduzione anche solo parziale di immagini e contenuti per usi commerciali.